coldiretti
coldiretti
Attualità

Coldiretti Puglia: «Rendere visibili extra-comuntari con condizioni di vita dignitose»

In relazione alla morte di due giovani migranti africani in una baracca del 'ghetto' di Borgo Mezzanone

Vanno tirati fuori dall'invisibilità i migranti che arrivano in Puglia e possono contribuire in modo strutturale e determinante all'economia del Paese, rappresentando una componente indispensabile per garantire i primati del Made in Italy. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, in relazione alla morte di due giovani migranti africani in una baracca del 'ghetto' di Borgo Mezzanone, una frazione di Manfredonia, rimasti intossicati nel sonno dalle esalazioni di monossido di carbonio prodotte da un braciere utilizzato per scaldarsi dal freddo.

Coldiretti a Foggia ha avviato percorsi di trasparenza e condizioni di vita e lavoro dignitose per i migranti che giungono in Puglia, dai servizi alla persona all'assistenza fiscale, dal trasporto garantito per raggiungere i luoghi di lavoro alla consulenza per le buste paga, fino alle vaccinazioni e all'assistenza a beneficio dei migranti.

"E' il segnale di un modello di sviluppo dell'agricoltura, fonte di grandi opportunità occupazionali da realizzarsi seguendo la strada della trasparenza, della legalità e delle regole certe. E' fondamentale mettere le imprese agricole nella condizione di beneficiare realmente del contributo che i lavoratori extracomunitari possono offrire, strappandoli alla condizione di invisibilità", dice Pietro Piccioni, delegato confederale di Coldiretti Foggia.

La Coldiretti ricorda che in Puglia è ottenuto da mani straniere più di un quarto del Made in Italy a tavola, con oltre 38mila lavoratori stranieri che forniscono il 22,4% del totale delle giornate di lavoro, solo nella provincia di Foggia si contano oltre 973mila giornate di lavoro fornite da lavoratori stagionali stranieri, il 27,61% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore.

"E' fondamentale mettere le imprese agricole nella condizione di beneficiare realmente del contributo che i lavoratori extracomunitari possono offrire, rendendo più facili e meno farraginose le domande di assunzione dei lavoratori, necessari soprattutto nei periodi di raccolta di prodotti agricoli in cui è fortemente richiesta la manodopera stagionale", ha insistito Piccioni.

La manodopera extracomunitaria in agricoltura, nonostante il calo progressivo negli ultimi 5 anni, resta determinante in Puglia nelle coltivazioni arboree 53,8% (frutta e viticoltura) e colture orticole 17,7% (fragole, meloni, insalate, pomodori, radicchio), con i braccianti extracomunitari che hanno per quasi l'88% una occupazione stagionale e rappresentano circa il 10% dei lavoratori dipendenti regolarmente impegnati in agricoltura.

Il contributo dei lavoratori immigrati all'agricoltura pugliese è importante nella raccolta dei pomodori, degli asparagi e dei carciofi e nelle stalle sono divenuti insostituibili. In Puglia il maggior numero di extracomunitari hanno nazionalità rumena (51,18%), albanese (13,02%), bulgara (13,11%), marocchina (4,11%) e polacca (3,51%)".

Si tratta di lavoratori che spesso da anni collaborano con le imprese agricole italiane e che ogni anno attraversano il confine per poi tornare nel proprio Paese. In questo contesto – sostiene la Coldiretti regionale – è stato emanato il decreto flussi 2021 che dovrebbero portare nelle campagne pugliesi altri 5mila lavoratori extracomunitari ma anche le difficoltà burocratiche che ostacolano l'impiego dei lavoratori italiani in una situazione di difficoltà in cui si trovano altri settori economici. Una esigenza che si è fatta stringente con il calendario delle raccolte – insiste Coldiretti Puglia – che si intensifica con l'avanzare dei periodi di raccolta, dopo fragole, asparagi, carciofi, ortaggi in serra, ci saranno le grandi raccolte di ciliegie, albicocche, pesche e percoche fino all'uva da tavola, con la scalarità delle diverse varietà.
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Ulivi monumentali in Puglia: si allunga l'elenco degli esemplari censiti Ulivi monumentali in Puglia: si allunga l'elenco degli esemplari censiti Adesso sono oltre 347mila, ciascuno con un proprio codice di identificazione
Al via l'educazione alimentare a scuola e in fattoria in Puglia Al via l'educazione alimentare a scuola e in fattoria in Puglia L'agrididattica per gli alunni che si cimenteranno anche in un concorso di idee sul cibo
Coldiretti, sarà presentato oggi il disciplinare della DOP Pomodoro di Puglia Coldiretti, sarà presentato oggi il disciplinare della DOP Pomodoro di Puglia L'evento si terrà alle 9:30 nella sala consiliare della Camera di Commercio di Foggia
Quasi tre chili in più dopo le feste e ora tutti a dieta in Puglia Quasi tre chili in più dopo le feste e ora tutti a dieta in Puglia I consigli di Coldiretti e una lista di prodotti dalle proprietà terapeutiche e nutrizionali
Coldiretti: «L'inflazione del 2023 mette in crisi la metà delle famiglie in Puglia» Coldiretti: «L'inflazione del 2023 mette in crisi la metà delle famiglie in Puglia» Difficoltà anche per un terzo delle aziende sul territorio regionale
Mimose già sbocciate in Puglia a causa delle temperature fuori norma Mimose già sbocciate in Puglia a causa delle temperature fuori norma L'allarme di Coldiretti: «Rischio concreto di gelate improvvise»
Rincari d'autunno, rischio alimentare per 440mila famiglie in Puglia Rincari d'autunno, rischio alimentare per 440mila famiglie in Puglia L'analisi di Coldiretti in merito al costo della vita
Siccità e poi grandine. Coldiretti: «Dichiarare stato di emergenza in Puglia» Siccità e poi grandine. Coldiretti: «Dichiarare stato di emergenza in Puglia» Il maltempo degli ultimi giorni non è stato d'aiuto dopo le settimane di afa
© 2001-2023 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.