Sanità
Sanità
Sanità

Donne medico: «Niente sostituzione di maternità per il 75% delle gravidanze»

Il report della Federazione CIMO-FESMED, in occasione della Festa della Donna

Che negli ospedali manchino medici ormai è fatto noto e accertato. Che il personale sanitario sia spesso costretto a lavorare più di 48 ore a settimana, senza poter andare in ferie o prendere permessi, non fa più notizia. In questo scenario cade come un macigno, dunque, il numero di maternità di donne medico per le quali non viene prevista alcuna sostituzione: secondo un sondaggio della Federazione CIMO-FESMED su un campione di 1.415 dottoresse, il 75% delle assenze per maternità non viene coperto. Un fenomeno che negli anni si è gradualmente aggravato: dividendo la popolazione in fasce di età, emerge infatti che le percentuali di maternità sostituite sono maggiori tra le donne più grandi, che presumibilmente hanno avuto gravidanze negli anni passati, rispetto alle più giovani. È stato sostituito il 21,6% delle mamme che oggi hanno più di 60 anni; il 18,9% delle donne che hanno tra i 51 e i 60 anni; il 16,3% delle quarantenni ed il 12,6% delle trentenni.

Ogni gravidanza, quindi, oggi ancor più di ieri va irrimediabilmente a pesare sulle spalle dei colleghi che rimangono in servizio, che oltre a doversi occupare di un carico di lavoro già estenuante, devono colmare il vuoto lasciato dalla collega legittimamente a casa. Le aziende non cercano sostituzioni di maternità per risparmiare lo stipendio della donna incinta - visto che l'indennità di maternità è in capo all'INPS - e i pochi bandi pubblicati spesso cadono nel vuoto perché medici disponibili non ce ne sono. Una situazione che genera un profondo senso di colpa delle mamme medico, che acuisce le discriminazioni subite da superiori e colleghi, che aumenta le difficoltà ad essere assunte prima e ad ottenere ruoli con maggiori responsabilità poi.

Dal Rapporto sulle donne nel SSN del Ministero della Salute del 2019 emerge infatti che solo il 17,2% degli incarichi in struttura complessa ed il 34,7% degli incarichi in struttura semplice sono affidati a donne, nonostante il numero di professioniste sia superiore a quello dei medici uomini. Secondo la Federazione degli Ordini dei Medici, nel 2021 il 54% dei professionisti con meno di 65 anni era donna, percentuale che saliva al 64% considerando la fascia d'età tra i 40 e i 44 anni. Una costante femminilizzazione della professione che, tuttavia, non è accompagnata da un cambiamento organizzativo e culturale che vada di pari passo: l'88% delle dottoresse che hanno aderito al sondaggio ritiene che le donne medico possano subire discriminazioni sul luogo di lavoro, ed il 58,4% è consapevole di aver subito un trattamento differente perché donna. Un dato che si riscontra anche nel rapporto con i pazienti, per i quali «l'uomo è sempre professore e la donna signorina»: questo è uno dei commenti più frequenti emersi dal sondaggio.

Continua a leggere l'approfondimento su AndriaViva

  • Sanità
Altri contenuti a tema
Riqualificazione ospedale di Barletta, dalla regione circa 9 milioni Riqualificazione ospedale di Barletta, dalla regione circa 9 milioni Caracciolo (presidente gruppo PD: «I cittadini potranno usufruire di novità all’avanguardia per la tutela della salute»
Sanità, capogruppo PD Filippo Caracciolo: “Decisione della Giunta va nella direzione da noi auspicata” Sanità, capogruppo PD Filippo Caracciolo: “Decisione della Giunta va nella direzione da noi auspicata” Nei prossimi anni assunzioni e stabilizzazioni nel comparto sanitario
Muore a 24 anni dopo aver abortito la sua bimba, scatta la denuncia Muore a 24 anni dopo aver abortito la sua bimba, scatta la denuncia I fatti accaduti al Vito Fazzi di Lecce, il marito vuole che si faccia luce sulla vicenda
Monkeypox, Chironna: «Nessun allarme, ma non bisogna sottovalutarlo» Monkeypox, Chironna: «Nessun allarme, ma non bisogna sottovalutarlo» Intervista con l'infettivologa del Policlinico, e docente di igiene dell'Università di Bari
Vaiolo delle scimmie, accertato il primo caso in Puglia Vaiolo delle scimmie, accertato il primo caso in Puglia L'uomo, un 36enne della provincia di Bari, si era rivolto al Policlinico per delle lesioni sospette
Vaiolo delle Scimmie, anche la Puglia in allerta. Circolare del Dipartimento Salute Vaiolo delle Scimmie, anche la Puglia in allerta. Circolare del Dipartimento Salute Le Asl tenute a recepire le indicazioni date dal ministero della Salute
Liste di attesa, la Regione si attiva per recuperare le prestazioni sanitarie non ancora effettuate Liste di attesa, la Regione si attiva per recuperare le prestazioni sanitarie non ancora effettuate Palese: «È nostra ferma intenzione mettere in campo tutti gli strumenti necessari per il recupero delle liste d’attesa»
Carenza personale sanitario in Puglia, «Prorogare al 2024 la possibilità di assumere specializzandi» Carenza personale sanitario in Puglia, «Prorogare al 2024 la possibilità di assumere specializzandi» La richiesta arriva dalla Federazione CIMO-FESMED: una prima soluzione alla grave carenza di organico negli ospedali
© 2001-2022 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.