Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Era nascosto in un trullo vicino Ostuni: arrestato presunto boss

Cosimo Lamendola era destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare dal 18 luglio scorso

Il 51enne Cosimo Lamendola, destinatario di un 'ordinanza di custodia cautelare dal 18 luglio scorso, è stato individuato e arrestato nelle scorse ore dai carabinieri dopo due mesi di latitanza in un trullo tra le campagne di Ostuni e Cisternino, in provincia di Brindisi.

L'ordinanza del gip di Lecce su richiesta della Dda trae origine da un'indagine dei carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Per gli inquirenti Cosimo Lamendola ed il figlio Gianluca di 34 anni, ancora irreperibile, erano al vertice del presunto sodalizio criminale, smantellato in seguito all'operazione Wolf, e per il quale risultano indagate 39 persone.

Le accuse a vario titolo per tutti sono associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi da fuoco e da guerra, violenza privata, lesioni personali, estorsione. Nel luglio scorso, invece, furono 19 le ordinanze di custodia cautelare eseguite. Ieri, intanto, insieme al latitante è stata arrestata una donna che aveva funzioni di vivandiera, ed al momento dell'irruzione stava preparando il pranzo al 51enne. La donna, trasferita in carcere, è accusata di favoreggiamento personale.

All'interno del nascondiglio sono state rinvenute diverse parrucche da uomo. Solo pochi giorni fa per la stessa inchiesta era stato arrestato in Germania il cognato di Cosimo Lamendola, Rosario Cantanna, anche lui destinatario dell'ordinanza di misura cautelare del luglio scorso.
  • Cronaca
Altri contenuti a tema
Incendio in un capannone a Margherita di Savoia Incendio in un capannone a Margherita di Savoia Intervengono sul posto Vigili del Fuoco, Carabinieri e Polizia locale
Il caldo e il dramma dei malori in spiaggia: 4 decessi nel weekend in Puglia Il caldo e il dramma dei malori in spiaggia: 4 decessi nel weekend in Puglia Gli episodi sono accaduti a Bari, Giovinazzo, Porto Cesareo e Taranto
Abbandonava rifiuti speciali in campagna: denunciato 56enne in provincia di Taranto Abbandonava rifiuti speciali in campagna: denunciato 56enne in provincia di Taranto Intervento dei Carabinieri forestali di Taranto in contrada Giranda nel comune di Statte
Schianto con la moto in tangenziale a Bari: muore un 39enne Schianto con la moto in tangenziale a Bari: muore un 39enne Indagini in corso sulla dinamica del sinistro, intervenuti Polizia locale e Anas
Morte della 25enne caduta nel vano ascensore a Fasano: 4 indagati Morte della 25enne caduta nel vano ascensore a Fasano: 4 indagati Al momento si tratta di un atto dovuto. Si attende l'autopsia
Spaccio di droga in provincia di Brindisi: 17 misure cautelari Spaccio di droga in provincia di Brindisi: 17 misure cautelari Scoperti traffici tra Mesagne e Cellino San Marco
Contratti irregolari e mancata sicurezza: segnalati 35 imprenditori in Salento Contratti irregolari e mancata sicurezza: segnalati 35 imprenditori in Salento Sospese quattro attività per gravi inadempienze in materia di lavoro
Assalto a un portavalori in provincia di Brindisi: bottino da oltre 3 milioni di euro Assalto a un portavalori in provincia di Brindisi: bottino da oltre 3 milioni di euro Ad agire è stato un gruppo formato da 8-10 persone sulla SS613
© 2001-2024 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.