Finanza
Finanza
Cronaca

GdF Barletta, sequestrati 50mila prodotti contraffatti e non conformi agli standard di sicurezza

Pelletteria e giocattoli tra gli oggetti requisiti

Nei giorni scorsi i Finanzieri del Comando Provinciale di Barletta, nell'ambito di mirati interventi eseguiti presso vari esercizi commerciali, hanno sequestrato 50.000 prodotti tra capi di abbigliamento contraffatti e altri oggetti privi dei requisiti di sicurezza e potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori.

Le attività fanno seguito al sequestro di un opificio sito in Barletta, eseguito nelle scorse settimane, ove venivano lavorati ed assemblati diverse migliaia di articoli contraffatti. In particolare, le Fiamme Gialle della Compagnia di Trani hanno sequestrato oltre 17.000 capi di vestiario contraffatti, tra cui felpe, t-shirt e pantaloni che riproducevano illegittimamente la foggia ed i segni distintivi di noti brand, particolarmente utilizzati dai giovani. In un caso, nel retro di un negozio, sono state altresì rinvenute e sequestrate una pressa per lo stampaggio a caldo delle scritte riconducibili ai marchi registrati e una macchina "tagliacuci" per il confezionamento dei capi.

I sequestri, effettuati d'iniziativa dai Finanzieri nell'ambito di attività inerenti al controllo del territorio, sono stati immediatamente convalidati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani. Altri 33.000 prodotti di vario genere sono stati sequestrati dai militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Barletta in quanto privi delle certificazioni di conformità agli standard di sicurezza previsti dalla normativa europea e nazionale, necessarie ad ottenere il marchio "CE", attestante che il prodotto rispetta i requisiti previsti dall'UE in materia di sicurezza, salute e tutela dell'ambiente. Tra la merce sequestrata, oltre ad oggetti di pelletteria, giocattoli, accessori per cellulari e materiale elettrico di vario genere, figurano cosmetici ed articoli per l'igiene personale, spesso venduti a prezzi contenuti in quanto prodotti con materiali potenzialmente dannosi per la salute, quali silicone, conservanti artificiali, paraffina, oli minerali e solfati schiumogeni.

Otto sono i responsabili individuati e segnalati alle competenti Autorità (evidenziando che il procedimento penale verte ancora nella fase delle indagini preliminari e che la responsabilità degli indagati sarà definitivamente accertata qualora intervenga sentenza irrevocabile di condanna).
  • Cronaca
Altri contenuti a tema
Aggressione a San Marco in Lamis: 20enne finisce in ospedale Aggressione a San Marco in Lamis: 20enne finisce in ospedale Il ragazzo sarebbe stato picchiato con dei bastoni
Incidente mortale in provincia di Brindisi: morto un 20enne Incidente mortale in provincia di Brindisi: morto un 20enne Il sinistro è avvenuto sulla provinciale tra Cellino San Marco e Sandonaci
Rissa in discoteca a Trani, arrestati tre baresi e un cerignolano Rissa in discoteca a Trani, arrestati tre baresi e un cerignolano Una giovane ragazza fu ferita con un colpo d'arma da fuoco
Incendio in una struttura sanitaria a Latiano: evacuati 15 pazienti Incendio in una struttura sanitaria a Latiano: evacuati 15 pazienti Per fortuna nessun ferito. Persone trasferite in un centro a Brindisi
La carovana degli agricoltori da Barletta verso Bari, prosegue la mobilitazione La carovana degli agricoltori da Barletta verso Bari, prosegue la mobilitazione I trattori stanno percorrendo la SS16bis, scortati da forze dell'ordine e mezzi Anas
Nell'area rurale di Manfredonia il regno delle agromafie: la denuncia di Coldiretti Nell'area rurale di Manfredonia il regno delle agromafie: la denuncia di Coldiretti Coinvolto l'intero settore agricolo della provincia di Foggia
Incidente stradale in provincia di Foggia: muore una 20enne Incidente stradale in provincia di Foggia: muore una 20enne Il sinistro è avvenuto sulla SS17 vicino Volturino
Aggressione di gruppo contro un 29enne a Fasano: quattro arresti Aggressione di gruppo contro un 29enne a Fasano: quattro arresti Decisive le immagini fornite dalle telecamere di videosorveglianza
© 2001-2024 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.