Il Vito Fazzi di Lecce
Il Vito Fazzi di Lecce
Cronaca

Muore a 24 anni dopo aver abortito la sua bimba, scatta la denuncia

I fatti accaduti al Vito Fazzi di Lecce, il marito vuole che si faccia luce sulla vicenda

Dopo numerose richieste di intervento per i malesseri che lamentava, l'avevano finalmente ricoverata in Ginecologia per monitorare quella gravidanza complicata, ma da quel reparto non è più uscita viva: prima i medici l'hanno fatta abortire, poi è spirata anche lei, a soli 24 anni. Disperato, il marito ha presentato un esposto all'autorità giudiziaria e confida che la magistratura apra un fascicolo per fornirgli quelle risposte che finora non ha ricevuto.

La tragedia si è consumata martedì 14 giugno all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, la vittima si chiamava Aissatou Bah, una giovane nata a Conakry, in Guinea, e residente da qualche mese a Monteroni di Lecce, con il marito e connazionale, operaio presso un'impresa del posto, entrambi con regolare permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Lecce; nel documento la donna risulta appena ventenne, in realtà vi è stato un errore di trascrizione, di anni ne aveva qualcuno in più, ma sempre pochissimi: 24.

Aissatou Bah era in stato interessante, era entrata nel quarto mese, portava in grembo una bambina, ma, come ha riferito il coniuge nella denuncia querela presentata lo stesso giorno del decesso presso gli uffici della Squadra Mobile di Lecce, ultimamente non stava bene, accusava nausea, vomito e inappetenza, tanto che in tre occasioni era stato richiesto l'intervento del 118: i sanitari l'avevano sottoposta a domicilio agli accertamenti di routine, ma l'avevano rassicurata sostenendo che si trattava dei classici malesseri collegati alla gravidanza.

Dopo l'ennesima chiamata al 118, però, il 25 maggio la giovane è stata finalmente ricoverata nel reparto di Ginecologia del Vito Fazzi per controlli più approfonditi, ma qui le sue condizioni sono progressivamente peggiorate e il marito, che andava a trovarla quasi quotidianamente, ha visto la moglie sempre più sofferente. Finché, il 10 giugno, i medici hanno addirittura deciso di farla abortire per salvarla perché la gravidanza avrebbe messo a rischio la sua stessa vita. Ma anche dopo l'aborto, la situazione non è migliorata, il marito non ha più potuto parlare con la consorte e quando chiedeva notizie i sanitari gli ripetevano che non stava affatto bene e che, anzi, il quadro clinico stava precipitando. Alle 11.52 del 14 giugno, sull'utenza cellulare del coniuge è arrivata la telefonata dal reparto di Ginecologia che gli comunicava il decesso di Aissatou. L'uomo, anche lui giovane, 28 anni, si è precipitato all'ospedale, accompagnato da un collega di lavoro, e ha chiesto spiegazioni ai medici, ma gli stessi sanitari non sarebbero stati in grado di dargli delle risposte sulle cause della morte, tanto da chiedergli l'autorizzazione per procedere con un riscontro diagnostico, cioè l'autopsia interna.

Per fare piena luce sui fatti, però, il giovane ha deciso di riferire tutto l'accaduto all'autorità giudiziaria con la speranza che la Procura disponga un'autopsia "terza" giudiziale onde capire cosa sia successo alla moglie e alla creatura che portava in grembo e per accertare se le cure prestate in ospedale siano state adeguate o non sussistano profili di responsabilità da parte dei sanitari. Il ventottenne, attraverso l'area manager Puglia Luigi Cisonna, si è quindi affidato a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che ha già acquisito la (scarna) documentazione clinica resa disponibile relativa al ricovero per sottoposta ai propri e esperti e che metterà a disposizione un medico legale di parte nell'auspicato caso in cui la magistratura ordini una perizia autoptica.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Damiani: «Disservizi sanitari causati dalla Regione Puglia» Damiani: «Disservizi sanitari causati dalla Regione Puglia» Il commento delle ultime notizie sui tagli alla Sanità in Puglia
Sanità, in Puglia 11 persone indagate per corruzione, traffico di influenze illecite e falso ideologico Sanità, in Puglia 11 persone indagate per corruzione, traffico di influenze illecite e falso ideologico «Emerge un quadro drammaticamente preoccupante per la gestione della sanità pugliese»
Corruzione sanità Puglia, «il Ministro commissari la Regione» Corruzione sanità Puglia, «il Ministro commissari la Regione» Le dichiarazioni dei referenti di Forza Italia, Mauro D'Attis e Dario Damiani
Riqualificazione ospedale di Barletta, dalla regione circa 9 milioni Riqualificazione ospedale di Barletta, dalla regione circa 9 milioni Caracciolo (presidente gruppo PD: «I cittadini potranno usufruire di novità all’avanguardia per la tutela della salute»
Sanità, capogruppo PD Filippo Caracciolo: “Decisione della Giunta va nella direzione da noi auspicata” Sanità, capogruppo PD Filippo Caracciolo: “Decisione della Giunta va nella direzione da noi auspicata” Nei prossimi anni assunzioni e stabilizzazioni nel comparto sanitario
Monkeypox, Chironna: «Nessun allarme, ma non bisogna sottovalutarlo» Monkeypox, Chironna: «Nessun allarme, ma non bisogna sottovalutarlo» Intervista con l'infettivologa del Policlinico, e docente di igiene dell'Università di Bari
Vaiolo delle scimmie, accertato il primo caso in Puglia Vaiolo delle scimmie, accertato il primo caso in Puglia L'uomo, un 36enne della provincia di Bari, si era rivolto al Policlinico per delle lesioni sospette
Vaiolo delle Scimmie, anche la Puglia in allerta. Circolare del Dipartimento Salute Vaiolo delle Scimmie, anche la Puglia in allerta. Circolare del Dipartimento Salute Le Asl tenute a recepire le indicazioni date dal ministero della Salute
© 2001-2022 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.