Formazione
Formazione
Scuola

Rientro a scuola, i presidi chiedono la DaD ma il Governo è irremovibile

Iniziativa autonoma di alcuni dirigenti scolastici, Romito (ANP): «Temiamo aumento dei contagi. Chi non sarà presente, risulterà assente»

Un appello affinché la scuola non torni in presenza il prossimo 10 gennaio, e una richiesta di rinvio al 31 del mese con contestuale attivazione della DaD. È quanto hanno presentato al Governo presidi, docenti e personale ATA. Un documento nato su iniziativa di una quindicina di presidi, poi rilanciato dal web, per arrivare ad essere ora anche una petizione online che ha raggiunto quasi 7.500 firme.

Tra coloro che hanno firmato questo appello ci sono i presidi della De Renzio di Bitonto, Gesmundo Fiore di Terlizzi, via Napoli di Modugno, Francesco d'Assisi di Santeramo, Tommaso Fiore di Modugno, San Giovanni Bosco di Terlizzi, Cpa2 Altamura, Salvemini di Bari, Scacchi di Gravina, De Amicis-GiovanninXXIII di Acquaviva, Vespucci di Molfetta/Bitonto, Savio Montalcini di Capurso, Barletta, Antenore/Guaccero di Palo, Bosco-Giovanni XIII di Gravina, Canudo di Gioia del colle, Putignano, Mennea di Barletta, Savio-Fiore di Gravina.

Nella richiesta, i dirigenti scolastici sostengono che: «Una programmata e provvisoria sospensione delle lezioni in presenza (con l'attivazione di lezioni a distanza) per due settimane è sicuramente preferibile ad una situazione ingestibile che provocherà con certezza frammentazione, interruzione delle lezioni e scarsa efficacia formativa. Lo vogliamo sostenere con forza, decisione e con la consapevolezza di chi è responsabile in prima persona della tutela della salute e della sicurezza di migliaia di persone».

«L'appello fatto in queste ore da alcuni colleghi è una richiesta fatta in autonomia - sottolinea Roberto Romito di ANP (associazione nazionale presidi) Puglia - Noi come ANP avevamo chiesto di posticipare il rientro in classe, ma la nostra richiesta non è stata accettata. Fare una richiesta del genere ora quanto ormai il Consiglio dei Ministri si è espresso per un ritorno in classe il 10 purtroppo non ha molto senso. I dubbi sono molti, e temiamo un incremento dei contagi con il rientro in classe, e sappiamo che le Asl rischiano di avere difficoltà ad effettuare il tracciamento previsto, ma non possiamo fare altro che seguire le regole stabilite dal Governo».

«Inoltre - prosegue Romito - sarà un problema per gli istituti scolastici mettere in pratica quanto previsto per quanto riguarda le scuole superiori, in quanto non si hanno elenchi degli studenti vaccinati».

E ai genitori che hanno dubbi se mandare o meno a scuola i propri figli lunedì, dice: «I genitori devono fidarsi della scuola, ed essere consapevoli che la scuola si muove in un ambito di regole dettate dai regolamenti. Se i ragazzi non vengono a scuola sono assenti e devono motivare l'assenza, non per questo è possibile attivare la DaD per loro. Saranno i dirigenti scolastici sulla base del numero dei contagi a decidere per la didattica a distanza o meno».

«Ciò che non vogliamo è ritrovarci in una situazione come quella dello scorso anno - conclude Romito - non vogliamo una DaD a pelle di leopardo, come capitato a causa della possibilità di scelta».

La risposta del ministero comunque è stata molto ferma: «Nessun ripensamento sul ritorno a scuola in presenza - ha sottolineato Bianchi, a margine delle celebrazioni per il Tricolore - Siamo molto attenti a voci che arrivano dal Paese, ma anche alle tante che dicono che la scuola resti in presenza».
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Nascita di agrinido e agriasilo in Puglia: approvata la proposta del M5S Nascita di agrinido e agriasilo in Puglia: approvata la proposta del M5S Un modello didattico che permette ai bambini di sviluppare conoscenze tattili ed esplorative nella natura
Global teacher award 2022, vince ancora una scuola di Bari. Premiata la professoressa Raspatelli Global teacher award 2022, vince ancora una scuola di Bari. Premiata la professoressa Raspatelli Dopo il marito, Antonio Curci, anche alla moglie l'importante riconoscimento per il lavoro con "Radio Panetti"
Nuovo anno scolastico, in Puglia si parte dopodomani. Niente regole anti-Covid Nuovo anno scolastico, in Puglia si parte dopodomani. Niente regole anti-Covid In alcune regioni d'Italia le lezioni riprendono nella giorna odierna
Sistema scuola a pezzi, quando superare un concorso non vale neanche un posto precario Sistema scuola a pezzi, quando superare un concorso non vale neanche un posto precario Domani inizia il nuovo anno scolastico, con il solito caos supplenze e l’incertezza totale di migliaia di docenti
Anno scolastico 2022/23, c'è il vademecum anti-Covid per le scuole Anno scolastico 2022/23, c'è il vademecum anti-Covid per le scuole Il documento definitivo reso noto dal ministero dell'Istruzione
Regione Puglia e Università di Foggia insieme contro il divario digitale Regione Puglia e Università di Foggia insieme contro il divario digitale Stamattina la conferenza stampa di presentazione del progetto
Scuola, in arrivo nuova stangata per le famiglie: corredo costa il 7% in più Scuola, in arrivo nuova stangata per le famiglie: corredo costa il 7% in più Per l’occorrente (libri esclusi) si arriva a spendere fino a 588 euro. Caro di energia e materie prime fa impennare prezzi
Scuola, da settembre niente regole anti-Covid. Tornano i docenti no-vax Scuola, da settembre niente regole anti-Covid. Tornano i docenti no-vax Le informazioni contenute in una circolare del ministero
© 2001-2022 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.