Ospedaletatarella
Ospedaletatarella
Cronaca

«Se chiami qualcuno vi ammazzo». Aggressione a due medici all'ospedale di Cerignola

Futili motivi e un fraintendimento dietro minacce e vie di fatto fisiche

Aggrediti due medici in servizio presso il presidio ospedaliero "G. Tatarella" di Cerignola, ancora una volta per futili motivi basati su un fraintendimento. Tutto ciò è avvenuto qualche giorno fa presso la sala medici del reparto di Medicina Interna dell'Ospedale quando un uomo e una donna si sono avvicinati recando con loro uno smartphone e mostrando a un medico di servizio alcune foto di un loro paziente anziano, da poco dimesso.

Tramite quelle fotografie i due avrebbero accusato il sanitario di aver provocato un tumore al congiunto dimesso nonostante i tentativi di convincere i facinorosi che si trattava di una piaga da decubito, abituale e possibile in pazienti costretti per lungo tempo in letto di degenza. Della coppia di aggressori, soprattutto l'uomo avrebbe mostrato di aver perso il controllo, eccedendo in minacce di morte violenta sia al malcapitato medico che a un suo collega barlettano, subito intervenuto, e un infermiere anch'egli accorso. Alle minacce si sono presto aggiunte anche alcune vie di fatto fisiche con strattoni e spinte violente verso un muro. Solo dopo tempo e l'intervento congiunto dei tre, con spiegazioni e precisazioni, si sarebbe arrestata la furia dell'aggressore.

«Se chiami qualcuno vi ammazzo, vi metto sotto con la macchina» sarebbero state alcune frasi proferite. Un clima ingeneroso verso il personale in servizio al "Tatarella" che non può e non deve essere derubricato in mera casualità. Segnalazioni giungono sovente e la situazione da tempo appare insostenibile, perché costellata da una lunga sequenza di aggressioni. Inoltre sembrerebbe che in molte zone dell'ospedale manchino le telecamere di sorveglianza.

La disavventura si è conclusa, questa volta, dato che è stata sporta regolare querela a seguito di lesioni personale e minacce.
  • Cronaca
Altri contenuti a tema
Estorsione e spaccio di droga: 8 arresti a Manfredonia Estorsione e spaccio di droga: 8 arresti a Manfredonia L'attività investigativa legata all'indagine del 2022
Incidente in pieno centro a Barletta: due vetture coinvolte Incidente in pieno centro a Barletta: due vetture coinvolte Per gli occupanti solo ferite lievi, sul posto un mezzo del 118
Tragedia a Gallipoli: sub 50enne muore durante un'immersione Tragedia a Gallipoli: sub 50enne muore durante un'immersione L'uomo era originario di Nardò. Il corpo rinvenuto a 350 metri dalla costa
Molestava studentesse in strada: arrestato un 50enne a Lecce Molestava studentesse in strada: arrestato un 50enne a Lecce Sono al momento quattro gli episodi contestati all'uomo
Morte di un 25enne dopo scontro auto-moto a Capurso nel 2023: c'è l'udienza preliminare Morte di un 25enne dopo scontro auto-moto a Capurso nel 2023: c'è l'udienza preliminare Un anno e 4 mesi per Alessandro Sassone, 30enne di Valenzano, condannato per omicidio stradale
Incidente nei pressi di Canosa di Puglia: muore 29enne di Andria Incidente nei pressi di Canosa di Puglia: muore 29enne di Andria Inutili i soccorsi degli operatori del 118 intervenuti sul posto insieme alle forze dell'ordine
Maltrattamenti contro la moglie e aggressione ai Carabinieri: arrestato 46enne in Salento Maltrattamenti contro la moglie e aggressione ai Carabinieri: arrestato 46enne in Salento L'uomo, un 46enne originario del Burkina Faso, in manette a Soleto
Flusso di droga tra la provincia di Foggia e l'Albania: 29 arresti Flusso di droga tra la provincia di Foggia e l'Albania: 29 arresti Coinvolto, in particolare, il centro di smistamento con base a Orta Nova
© 2001-2024 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.