Alessandra Centrone, estetista oncologica di Bitonto
Alessandra Centrone, estetista oncologica di Bitonto
Attualità

Alessandra, in Puglia l'estetista oncologica che regala sorrisi a chi soffre

La giovane bitontina: "Tratto tutti i pazienti, affetti da cancro e alopecia, come fossero mio padre"

Rispondere al dolore con la solidarietà. È questo il messaggio di Alessandra Centrone, originaria di Bitonto, 35 anni, estetista oncologica e mamma di due bambini di 14 e 7 anni, Filippo e Diego.
Un evento che le ha cambiato la vita l'ha spinta a mettersi a disposizione del prossimo, unendo professione, passione e altruismo per una missione. Alleviare gli effetti collaterali delle persone affette da cancro e alopecia. A breve Alessandra conseguirà il certificato specifico in estetica oncologica, dopo due anni di studio al Policlinico di Milano. Nell'attesa di questo traguardo, ha deciso di condividere con "Viva" la sua esperienza fatta di sorrisi e piccoli gesti.
Come ha scelto di diventare estetista oncologica?
«Sono un'estetista e truccatrice da circa 10 anni e mi sono affacciata all'ambito oncologico da circa due anni, dopo aver subito un lutto gravissimo. Ho perso mio padre con un cancro ai polmoni, che me lo ha portato via in meno di un anno, togliendomi l'anima. Ero la sua pupilla e, nonostante fosse un uomo tutto d'un pezzo, d'altri tempi e ignorante per non aver mai studiato, l'ho voluto al mio fianco quando ho aperto la mia scuola di formazione per estetiste, parrucchieri e truccatori. Lui si occupava del servizio navetta offerto alle allieve forestiere, perché mi raggiungono da tutta la Puglia per le mie lezioni di make-up. Quando mi sono trovata impotente davanti al mostro che lo aveva rapito, mi sono resa conto che l'unica cosa che si poteva fare era alleviare il dolore fisico indotto dalle terapie, con trattamenti specifici che servivano a lenire gli esiti troppo aggressivi della malattia stessa. Ho voluto approfondire il tema per trattarlo con cognizione e competenza. Così ho scoperto un mondo meraviglioso, che sebbene mi avesse illuminato il cuore, mi ha rammaricato per non averlo potuto attuare per mancanza di tempo oggettivamente nei riguardi di mio padre».
Alessandra Centrone estetista oncologica jfifAlessandra Centrone jfifAlessandra Centrone estetista oncologica jfif
Che rapporto instaura con le donne a cui offre il suo servizio?
«Tratto tutti i pazienti come fossero mio padre. Mi sono anche prodigata in una collaborazione con l'associazione "Energia donna", che si occupa di volontariato. Con Mariagrazia Ramires e Angela Burgio, le presidenti, nel reparto oncologico dell'ospedale San Paolo di Bari, abbiamo allestito anche una stanza attrezzata per tutti i trattamenti estetici all'interno del reparto, grazie a donazioni ricavate da alcuni miei corsi devoluti a questo proposito. Ogni martedì, con cadenza più o meno assidua, a seconda di tutti gli altri impegni, sono presente in questa stanza per offrire gratuitamente a tutti i pazienti qualsiasi trattamento vogliano. Così riduco gli effetti collaterali delle terapie alle pazienti trattate durante l'infusione. In questi anni mi sono specializzata in dermopigmentazione e offro, senza condizioni temporali, il tatuaggio delle sopracciglia e delle areole mammarie. È un servizio gratuito rivolto a tutti i pazienti affetti sia da cancro che da alopecia parziale o totale.
Quanto è importante, secondo lei, per una donna, sentirsi bene con se stessa?
«Tantissimo. La soddisfazione, la gioia, l'emozione e la commozione che derivano dall' incredulità e dalla felicità assoluta della paziente allo specchio valgono più di qualsiasi moneta».
Ha altri progetti simili per il futuro?
«I progetti futuri riguardano numerose collaborazioni, con associazioni e centri in tutta Italia, non ultima la scelta di un centro estetico brindisino, di una cara collega, che mi ospiterà ogni mese, con gli stessi obiettivi».
Lei è riuscita a unire lavoro, passione e solidarietà. Qual è il segreto per questa ricetta?
«La buona riuscita dell'unione tra lavoro, passione e solidarietà è data solo ed esclusivamente dalla moneta del sorriso, che riempie il cuore e non le tasche».
  • Solidarietà
Altri contenuti a tema
Fondazione Tatò Paride, donato all’AIAS Barletta un pullmino per il trasporto di persone con disabilità Fondazione Tatò Paride, donato all’AIAS Barletta un pullmino per il trasporto di persone con disabilità Prima iniziativa della fondazione nata dall’azienda Tatò Paride spa
Solidarietà, la "Fondazione Tatò Paride" dona un pulmino all'AIAS Barletta Solidarietà, la "Fondazione Tatò Paride" dona un pulmino all'AIAS Barletta Domani la cerimonia di consegna del mezzo
Grande successo per lo spettacolo di beneficenza della Fondazione Megamark al Palaflorio di Bari Grande successo per lo spettacolo di beneficenza della Fondazione Megamark al Palaflorio di Bari Ad alternarsi sul palco il duo barese Toti e Tata, la comica Teresa Mannino e Gianna Nannini
"Buono e solidale", l'impegno di Despar per il sociale si rinnova "Buono e solidale", l'impegno di Despar per il sociale si rinnova Impegnati nel reparto di Gastronomia dell’Interspar di Corato alcuni ragazzi con neuro-diversità
"Orizzonti solidali", edizione speciale dedicata all’emergenza in Ucraina "Orizzonti solidali", edizione speciale dedicata all’emergenza in Ucraina Domani alle 17,30 la presentazione sulla pagina Facebook della Fondazione Megamark
La solidarietà non ha confini, la storia di Maria che dal suo letto d'ospedale fa coperte per i senzatetto La solidarietà non ha confini, la storia di Maria che dal suo letto d'ospedale fa coperte per i senzatetto A raccontarla Felice Spaccavento: "Una storia d'amore, di generosità, di forza che mi fa capire che i miracoli esistono anche a Natale"
Diecimila bulbi di tulipani a disposizione di 100 scuole primarie pugliesi Diecimila bulbi di tulipani a disposizione di 100 scuole primarie pugliesi Il progetto dell’associazione "Terra Promessa" di Foggia, è vincitore del bando "Orizzonti solidali" della Fondazione Megamark
"Un Trenocelle può aiutare", l’iniziativa benefica di Starpops, nuova creatura firmata Sgarra "Un Trenocelle può aiutare", l’iniziativa benefica di Starpops, nuova creatura firmata Sgarra Un gelato con un valore aggiunto: quello della solidarietà a favore di Save the Children
© 2001-2023 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.