Finanza
Finanza
Cronaca

Evasione fiscale, nel mirino diversi odontoiatri: interviene la GdF Bari

Sequestrati beni per circa 5 milioni di euro

I Finanzieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a decreti di sequestro preventivo di beni, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro, nei confronti di diversi professionisti esercenti l'attività degli studi odontoiatrici quale presunto profitto del reato di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici per gli anni d'imposta dal 2016 al 2020, all'esito di complesse indagini di polizia giudiziaria coordinate da questa Procura della Repubblica.

Le articolate investigazioni traggono origine da una verifica fiscale avviata dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari nei confronti di un'odontoiatra, con studio medico nella provincia barese, che consentiva di individuare l'ideatore e fornitore di un software gestionale idoneo a favorire forme di rendicontazione dei compensi "non ufficiali" e ad ostacolare l'attività di accertamento dell'Amministrazione Finanziaria.

Tenuto conto delle preliminari evidenze investigative questo Ufficio giudiziario ha, quindi, disposto perquisizioni locali e domiciliari - eseguite dal predetto Reparto - nei confronti di entrambi i soggetti, all'esito delle quali sono stati sottoposti a sequestro numerosi supporti informatici, documenti e telefoni cellulari, nonché rinvenute copie di backup del citato software utilizzato da numerosi altri odontoiatri.

In particolare, dai successivi approfondimenti investigativi è emerso che il sistema gestionale in parola avrebbe consentito (allo stato, fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa) di:
- creare specifiche "schede cliente" nelle quali, oltre alle prestazioni certificate, attraverso la pressione del tasto F12, previa digitazione di una password nella disponibilità del titolare di ogni studio medico, era possibile rendicontare anche i compensi percepiti "in nero";
- memorizzare la contabilità "parallela" su supporti esterni (pendrive e hard disk), facilmente rimovibili in caso di controllo e non intellegibili senza l'uso delle particolari modalità di accesso illustrate;
- mantenere due distinti archivi informatici: uno "interno", definito "gestionale", contenente i "dati in chiaro", per tali intendendo quelli cui seguiva l'emissione della relativa fattura fiscale; uno "esterno", chiamato "storico", memorizzato sui citati supporti esterni rimovibili (pendrive, hard disk, ecc.), idoneo a raccogliere "i dati nella loro totalità" e, dunque, anche quelli relativi alle operazioni non annotate nella contabilità ufficiale del professionista, non fatturate ai clienti e non dichiarate al Fisco.
  • Cronaca
Altri contenuti a tema
Ricci di mare sequestrati a Manfredonia: multa di 4mila euro per due pescatori Ricci di mare sequestrati a Manfredonia: multa di 4mila euro per due pescatori Trasgredita la legge regionale che prevede il blocco triennale
Violazione dei divieti anti-stalking: arrestato un 48enne di Gallipoli Violazione dei divieti anti-stalking: arrestato un 48enne di Gallipoli Ha continuato a perseguitare l'ex compagna anche dopo la denuncia
Incendio nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: nessun ferito Incendio nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: nessun ferito Immediato l'intervento dei Vigili del fuoco
Omicidio sul litorale  di Marina di Lesina nel 2022: c'è un arresto Omicidio sul litorale di Marina di Lesina nel 2022: c'è un arresto Ordinanza di custodia cautelare per un 44enne
Inseguimento sul lungomare di Pescara: coinvolto un giovane di Cerignola Inseguimento sul lungomare di Pescara: coinvolto un giovane di Cerignola L'automobilista è fuggito dalla Polizia dopo aver causato due incidenti
Truffa in appuntamento fissato con un sito di incontri online: 2 arresti in Salento Truffa in appuntamento fissato con un sito di incontri online: 2 arresti in Salento Il fatto è accaduto a Galatone, in provincia di Lecce
Metronotte, ritrovata in un fondo agricolo la Fiat Punto rubata a Corato Metronotte, ritrovata in un fondo agricolo la Fiat Punto rubata a Corato Gli agenti hanno riconsegnato l'autovettura al legittimo proprietario
Furti d’auto: proseguono, serrati i controlli della Polizia di Stato nella provincia Bat Furti d’auto: proseguono, serrati i controlli della Polizia di Stato nella provincia Bat Indagati due soggetti andriesi, pluripregiudicati, per i reati di ricettazione
© 2001-2024 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.