Turista
Turista
Turismo

Grazie al vaccino Sputnik via libera a 106mila turisti russi in Puglia

Coldiretti: «Green pass base a stranieri in hotel e ristoranti salva turismo dopo crack da oltre 500 milioni di euro»

Via libera al ritorno in Puglia di oltre 106mila turisti dalla Russia che prima della pandemia erano venuti in viaggio in una delle regioni più amate dai viaggiatori della 'Grande Madre'. E' quanto emerge dall'analisi della Coldiretti Puglia, in riferimento al provvedimento varato dal Consiglio dei Ministri con il presidente Draghi che consente l'arrivo in Italia degli stranieri con certificati di guarigione o vaccinali da più di sei mesi compresi quelli ottenuti con Sputnik o con altri vaccini non autorizzati dall'Italia con l'esito negativo di un tampone effettuato 48 ore prima se antigenico o 72 se molecolare.

Per la Puglia – sottolinea la Coldiretti regionale – si tratta di una svolta importante dopo che lo scorso anno gli arrivi dalla Russia sono praticamente azzerati con un crollo di oltre il 90% con pesanti effetti sull'economia e sull'occupazione nelle aree in cui in passato erano presenti. Il ritorno dei vacanzieri dalla Russia in Puglia è infatti strategico per l'ospitalità turistica nelle mete più gettonate anche perché – continua la Coldiretti – i visitatori da questo paese hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa.

Una boccata di ossigeno per il turismo che in Puglia ha registrato un calo del 72% degli arrivi dei viaggiatori stranieri – aggiunge Coldiretti Puglia - rispetto a prima della pandemia, con il tasso d'internazionalizzazione al 28% del totale degli arrivi nel 2019 che ha raggiunto il 13% nei primi 7 mesi del 2021. Nel 2019, sulla base dei dati dell'Osservatorio di PugliaPromozione della Regione Puglia, le presenze dei turisti stranieri hanno superato i 3,4milioni, con il crollo nel 2020 dell'85% - denuncia Coldiretti Puglia – e solo un parziale recupero nel 2021.

Per consentire la ripartenza dei flussi turistici è importante – continua la Coldiretti regionale - anche la decisione di consentire l'ingresso con il solo green pass base in hotel, ristoranti e agriturismi a tutti gli stranieri presenti in Italia. Una boccata di ossigeno per il turismo che ha registrato un crack di oltre 500 milioni di euro nel 2021 rispetto a prima della pandemia, con la mancanza di viaggiatori stranieri che è stato uno degli elementi di maggiore criticità.

"E' oggi più che mai necessario sostenere il settore turistico da primato per la qualità dell'offerta misure nazionali e regionali che aiutino l'importante segmento dell'accoglienza in Puglia. L'arrivo dei contributi previsti dal decreto del Ministero del Turismo del 24 agosto 2021, a favore delle imprese turistico-ricettive, fortemente sostenuti da Coldiretti e Terranostra, per effetto della nuova crisi non è sufficiente a garantire la sostenibilità economica ed occupazionale delle strutture", afferma Filippo De Miccolis Angelini, presidente di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti.

I vacanzieri dall'estero in Puglia sono strategici per l'ospitalità turistica soprattutto nelle mete più gettonate anche perché – continua la Coldiretti regionale – i visitatori dall'estero hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa per alloggio, alimentazione, trasporti, divertimenti, shopping e souvenir. Un problema che riguarda anche gli agriturismi dove gli stranieri – dice la Coldiretti regionale - rappresentavano oltre il 40% delle presenze totali prima della pandemia.

Il turismo in Puglia impatta per 6,5 miliardi sui consumi finali, pari al 12,3% sui consumi totali – insiste Coldiretti Puglia – una ricchezza straordinaria a cui contribuisce il turismo esperienziale negli agriturismi, come dimostrato dalla quota percentuale di soddisfazione nel rapporto con il territorio. Ai primi posti di gradimento c'è l'offerta di olio di qualità all'85%, di prodotti agroalimentari all'83, paesaggi e colori per il 75%, l'ospitalità al 72% e l'offerta vitivinicola al 70%.

"L'agriturismo ha aumentato la disponibilità di accoglienza turistica, offrendo una lettura positiva del territorio pugliese e, pertanto, lo sviluppo dell'agriturismo – insiste De Miccolis - significa maggiore capacità di attrazione da parte della Puglia a beneficio dell'intera economia regionale. L'ospitalità nelle strutture agrituristiche assume una rilevanza fondamentale per la salvaguardia del patrimonio rurale che, oggi, è il fiore all'occhiello del turismo regionale".

La mancanza di vacanzieri si trasferisce a valanga sull'insieme dell'economia per il crollo delle spese per alimentazione, alloggio trasporti, divertimenti, shopping e souvenir. Il cibo infatti – aggiunge Coldiretti Puglia – è diventato la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Puglia con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche, un tesoro che può contare su 13 bevande analcoliche, distillati e liquori, 24 carni fresche e loro preparazione, 1 condimento, 17 formaggi, 1 olio extravergine aromatizzato, 120 prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati, 79 paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria, 43 prodotti della gastronomia, 9 preparazioni di pesci, molluschi e crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi, oltre a 4 prodotti lattiero caseari, la ricotta fresca, la ricotta forte, la ricotta marzotica leccese e la ricotta salata o marzotica.

Si stima peraltro che 1/3 della spesa turistica sia destinata proprio all'alimentazione per consumi in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi e acquisto di vino e specialità alimentari da riportare a casa, secondo le stime della Coldiretti. Gli arrivi dall'estero sono determinanti anche per gli agriturismi dove gli stranieri – conclude la Coldiretti Puglia – rappresentavano oltre il 40% delle presenze totali prima della pandemia.
  • Promozione turistica
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Giornate FAI per le scuole in Puglia: l'elenco dei beni aperti aperti Giornate FAI per le scuole in Puglia: l'elenco dei beni aperti aperti Dal 21 al 26 novembre visite guidate per promuovere il territorio e sperimentare l'educazione tra pari
Rincari d'autunno, rischio alimentare per 440mila famiglie in Puglia Rincari d'autunno, rischio alimentare per 440mila famiglie in Puglia L'analisi di Coldiretti in merito al costo della vita
Siccità e poi grandine. Coldiretti: «Dichiarare stato di emergenza in Puglia» Siccità e poi grandine. Coldiretti: «Dichiarare stato di emergenza in Puglia» Il maltempo degli ultimi giorni non è stato d'aiuto dopo le settimane di afa
Sprechi di acqua in Puglia: sul podio Brindisi, Lecce e Bari Sprechi di acqua in Puglia: sul podio Brindisi, Lecce e Bari I dati forniti dall'Istat in merito al pericolo siccità
Tra siccità e caro energia: +10% sul prezzo di frutta e verdura in Puglia Tra siccità e caro energia: +10% sul prezzo di frutta e verdura in Puglia La preferenza rimane sui prodotti a chilometro zero
Siccità, è crisi per il gasolio agricolo in Puglia: aumento dei prezzi alle stelle Siccità, è crisi per il gasolio agricolo in Puglia: aumento dei prezzi alle stelle Coldiretti stima una variazione del +120%
Non abbiam bisogno di Briatore. Ma che turismo vogliamo? Non abbiam bisogno di Briatore. Ma che turismo vogliamo? Sempre più numerosi i "vips" che scelgono la nostra regione. Ma il turismo è un'altra cosa
Caro benzina, schizzano i prezzi per i prodotti agricoli in Puglia Caro benzina, schizzano i prezzi per i prodotti agricoli in Puglia Impennata destinata ad aumentare nei prossimi giorni
© 2001-2022 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.