Formazione
Formazione
Scuola

Rientro a scuola, la Puglia ha retto il colpo. Tra primarie, medie e superiori in Dad il 14% delle classi

Romito (presidente ANP): «I numeri disegnano una situazione nel complesso abbastanza lontana dalle fosche previsioni formulate alla vigilia»

Il rientro a scuola in Puglia non è stato così drammatico come facevano presagire le ipotesi della vigilia. Almeno stando ad un sondaggio realizzato dall'Associazione Nazionale Presidi Puglia. Il sondaggio, che ha visto rispondere, in forma volontaria e anonima, 64 scuole distribuite su tutto il territorio regionale (il 10% del totale), per un totale di 7.766 docenti, 1.805 unità di personale non docente, 335 sezioni di scuola dell'infanzia e 2.547 classi in totale, fra scuola primaria, media e superiore dà un quadro abbastanza positivo.

I principali dati di questo sondaggi, che i presidi sottolineano non aver alcuna validità scientifica né alcuna ufficialità, ci dicono che risulta assente e non ancora sostituito il 4,2% dei docenti ed il 6,3% del personale non docente; nella scuola dell'infanzia è stata sospesa per 10 giorni l'attività nel 10,7% delle sezioni; negli altri ordini di scuola (primarie, medie e superiori) il 14% sul totale delle classi risulta in DAD completa (intera classe collegata da casa) oppure in DID (didattica integrata digitale, ossia con un gruppo di alunni collegato da casa e il resto in presenza a scuola) e nell'11% delle scuole risulta avviata (o da avviare nel brevissimo periodo) un'attività di vaccinazione in loco per gli alunni.

«Al di là della scontata variabilità dei dati delle singole istituzioni scolastiche fra di loro - sottolinea Roberto Romito - Presidente regionale ANP Puglia - (ad esempio, ci sono scuole con oltre il 75% di classi in didattica a distanza parziale o totale, oppure con il 15% di docenti assenti e non sostituiti, mentre in altre questi dati sono pari a zero) i numeri disegnano, per il momento almeno, una situazione nel complesso abbastanza lontana dalle fosche previsioni formulate alla vigilia del rientro a scuola anche da parte di autorevoli rappresentanti delle istituzioni, come ad esempio alcuni presidenti di regione incluso il nostro».

Tra le difficoltà denunciate dai presidi però si registra il fatto che per il momento sembra estremamente problematico, se non impossibile, individuare e tracciare gli alunni contagiati ed applicare la sorveglianza con i test T0 e T5. Rimane, inoltre, difficoltosa l'interlocuzione delle scuole con le strutture sanitarie e in presenza di molti alunni assenti è impossibile di aggregare classi diverse mantenendo il distanziamento minimo, senza considerare il distanziamento di due metri indicato per consumare i pasti a mensa. Infine, non ci sono le mascherine FFP2, che pure debbono essere fornite obbligatoriamente al personale della scuola dell'infanzia e si ripresentano le difficoltà nel fare lezione contemporaneamente in presenza e a distanza. L'assessore Leo, in un incontro tenutosi ieri, ha espresso la volontà di venire incontro ad alcune di queste esigenze. Nei prossimi giorni si vedrà se saranno fatti o solo parole.

«Le scuole hanno riaperto, grazie all'impegno del personale - conclude Romito - e, in particolare, dei dirigenti, che ormai da quasi due anni lavorano letteralmente senza soste, tra risorse promesse e non ancora (o mai) arrivate e la continua mutevolezza e la spesso inutile complicazione di molte delle misure previste dai protocolli di gestione della pandemia. Se la scuola va avanti, dopotutto, è grazie a loro».

  • Scuola
Altri contenuti a tema
Nuovo anno scolastico, in Puglia si parte dopodomani. Niente regole anti-Covid Nuovo anno scolastico, in Puglia si parte dopodomani. Niente regole anti-Covid In alcune regioni d'Italia le lezioni riprendono nella giorna odierna
Sistema scuola a pezzi, quando superare un concorso non vale neanche un posto precario Sistema scuola a pezzi, quando superare un concorso non vale neanche un posto precario Domani inizia il nuovo anno scolastico, con il solito caos supplenze e l’incertezza totale di migliaia di docenti
Anno scolastico 2022/23, c'è il vademecum anti-Covid per le scuole Anno scolastico 2022/23, c'è il vademecum anti-Covid per le scuole Il documento definitivo reso noto dal ministero dell'Istruzione
Regione Puglia e Università di Foggia insieme contro il divario digitale Regione Puglia e Università di Foggia insieme contro il divario digitale Stamattina la conferenza stampa di presentazione del progetto
Scuola, in arrivo nuova stangata per le famiglie: corredo costa il 7% in più Scuola, in arrivo nuova stangata per le famiglie: corredo costa il 7% in più Per l’occorrente (libri esclusi) si arriva a spendere fino a 588 euro. Caro di energia e materie prime fa impennare prezzi
Scuola, da settembre niente regole anti-Covid. Tornano i docenti no-vax Scuola, da settembre niente regole anti-Covid. Tornano i docenti no-vax Le informazioni contenute in una circolare del ministero
Stabilite le misure anti-Covid per il rientro a scuola: i dettagli Stabilite le misure anti-Covid per il rientro a scuola: i dettagli Ecco come studenti, docenti e personale Ata cominceranno il nuovo anno. Novità sulle mascherine
Maturità, la Puglia seconda regione d'Italia per numero di 100 e lode Maturità, la Puglia seconda regione d'Italia per numero di 100 e lode Il 99,9% degli studenti ammessi all'esame ha superato la prova
© 2001-2022 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.