Incendio
Incendio
Cronaca

Incendi in Puglia: ad Andria rischio alto anche da rifiuti abbandonati

Coldiretti: solo nel 2023 in fumo 2462 ettari bosco

Cresce l'emergenza in Puglia con il rischio incendi che aumenta anche a causa dei rifiuti abbandonati, con la Puglia che è al secondo posto della classifica nazionale dei reati ambientali a causa dello sversamento nelle campagne di rifiuti di ogni genere, quando solo nel 2023 sono andati in fumo 2.462 ettari di bosco in Puglia. E' quanto afferma la Coldiretti Puglia, in relazione all'incendio nell'oasi delle Cesine, solo l'ultimo di una serie di roghi che stanno interessando la regione.

In provincia di Foggia i campi sono in balia delle ecomafie, con lo sversamento di rifiuti di ogni genere nei campi – insiste Coldiretti Puglia - anche provenienti da regioni limitrofe, poi bruciati, con un danno economico e ambientale incalcolabile, ad Andria nella BAT rifiuti di ogni genere vengono abbandonati negli oliveti arrecando un danno all'ambiente e all'immagine di rilievo, in provincia di Brindisi si moltiplicano le segnalazioni dello scarico notturno di rifiuti nei campi, compreso Eternit e copertoni.

Tra i consigli elaborati da Coldiretti, la prima regola da seguire nel bosco è quella – afferma la Coldiretti – di evitare di accendere fuochi non solo nelle zone boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove è consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano completamente fredde. Soprattutto nelle campagne – precisa la Coldiretti – non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall'automobile e nel momento in cui si è scelto il posto dove fermarsi verificare che la marmitta della vettura non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi.

Inoltre – continua la Coldiretti – non abbandonare mai rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimità e in particolare, evitare la dispersione nell'ambiente di contenitori sotto pressione (bombolette di gas, deodoranti, vernici, ecc.) che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente. Nel caso in cui venga avvistato un incendio – consiglia la Coldiretti – non prendere iniziative autonome, ma occorre mantenersi sempre a favore di vento evitando di farsi accerchiare dalle fiamme per informare tempestivamente le autorità responsabili.

Dal momento che – continua la Coldiretti – 6 roghi su 10 si stima siano causato volontariamente anche per opera di piromani o di criminali interessati alla distruzione dei boschi, occorre collaborare con la Forestale e con i corpi di Pubblica sicurezza per fermare comportamenti sospetti o dolosi favoriti dallo stato di abbandono dei boschi nazionali.

Ci vorranno almeno 15 anni – conclude la Coldiretti – per ripristinare completamente le zone verdi distrutte dalle fiamme con danni oltre diecimila euro all'ettaro fra spese immediate per lo spegnimento e la bonifica e quelle a lungo termine sulla ricostituzione dei sistemi ambientali ed economici delle aree devastate.
  • Andria
Altri contenuti a tema
Nove anni dalla scomparsa di Paola Clemente: Andria ricorda l'operaia agricola morta di fatica nelle campagne Nove anni dalla scomparsa di Paola Clemente: Andria ricorda l'operaia agricola morta di fatica nelle campagne Manifestazione in piazza Catuma della Cgil e della Flai
Gesto goliardico in una fontana pubblica? Individuati e sanzionati ad Andria Gesto goliardico in una fontana pubblica? Individuati e sanzionati ad Andria Hanno dichiarato che si stavano rinfrescando per il troppo caldo
Tentato sequestro di persona a scopo di estorsione: 2 arresti ad Andria Tentato sequestro di persona a scopo di estorsione: 2 arresti ad Andria Contestata anche la tentata estorsione con il metodo mafioso
Tredici arresti nella Bat per spaccio di droga e vendita di tabacchi a contrabbando Tredici arresti nella Bat per spaccio di droga e vendita di tabacchi a contrabbando A Bisceglie in azione i Carabinieri del Comando Provinciale Carabinieri
Maltrattamenti e lesioni verso la madre: un arresto ad Andria Maltrattamenti e lesioni verso la madre: un arresto ad Andria Ripetute le aggressioni sia fisiche che verbali
Castel del Monte nel progetto “Puglia Easy to Reach” Castel del Monte nel progetto “Puglia Easy to Reach” Collegamento diretto con gli aeroporti di Bari e Foggia
Fallisce colpo ad un concessionario di autovetture ad Andria: malviventi messi in fuga Fallisce colpo ad un concessionario di autovetture ad Andria: malviventi messi in fuga Recuperati i cinque mezzi pronti per essere portati via
Anziano rinvenuto cadavere ad Andria Anziano rinvenuto cadavere ad Andria La macabra scoperta all'interno della sua abitazione
© 2001-2024 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.