Rita Colazzo
Rita Colazzo
Attualità

"Mi dimetto, ma non mi vaccino", la decisione dell'assessore Colazzo di Zollino

In un lungo post Facebook scrive: "Per precise convinzioni personali mai potrei rinunciare alla sovranità del mio corpo"

Ha deciso di rinunciare al suo ruolo di assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Zollino, piuttosto che vaccinarsi. Si tratta di Rita Colazzo, scelta dal sindaco del comune in provincia di Lecce come membro della giunta. Colazzo ha giustificato la sua scelta con un lungo post via social, dove ha voluto dire la sua in merito alla sua decisione. Postando, però, insieme al suo messaggio, un video artefatto del Tg5 per il quale diversi fact-checker hanno verificato: «Che il video o l'audio sono stati modificati in un modo che potrebbe fuorviare le persone, ma non perché sono stati mostrati fuori contesto». Oltre ad associare le attuale disposizioni a quelle di fascisti e nazisti, ricordando che tra poco ricorre la "Giornata della memoria".

«Ho presentato all'attenzione del segretario comunale e del sindaco, una lettera di dimissioni con la quale rinuncio al mandato di assessore - scrive l'ormai ex assessore - Un gesto dettato da senso di responsabilità e rispetto nei confronti dei cittadini tutti. Mai avrei voluto venir meno alla fiducia accordatami dai miei elettori ma, in alcun modo, voglio essere d'ostacolo all'azione amministrativa della maggioranza».

«Nel ribadire lo spirito di collaborazione e l'affetto maturato in questi anni con gli amministratori e il personale tutto, mi trovo di fronte a una scelta obbligata - prosegue - Per precise convinzioni personali mai potrei rinunciare alla sovranità del mio corpo, soprattutto alla luce di alcune affermazioni provenienti dagli organi dello Stato. A mio avviso non ci può essere differenza tra vaccinati e non, tant'è vero che quando dono il sangue, non mi chiedono nessun lascia passare. La nostra vita non può essere legata a un QR Code e la nostra libertà non deve essere una dose più in là».

«Una vera democrazia garantisce ai suoi cittadini, libertà di scelta - conclude - Con cognizione di causa il nostro presidente Pertini affermava "Le emergenze sono sempre il pretesto adoperato da quelli che vogliono erodere la libertà" e "Disobbedire alle leggi ingiuste è un dovere civile". Dunque ognuno deve avere il coraggio di portare avanti le proprie idee perché anche le minoranze hanno diritto ad avere voce. Visto che il 27 gennaio è vicino, auguro a tutti una buona "Giornata Della Memoria"».
  • Vaccino
Altri contenuti a tema
Prosegue lentamente la campagna anti-Covid in Puglia: i dati Prosegue lentamente la campagna anti-Covid in Puglia: i dati Ancora bassa affluenza per le quarte dosi ad anziani e fragili
Vaccini: il nuovo calendario in vigore da martedì 26 aprile Vaccini: il nuovo calendario in vigore da martedì 26 aprile È possibile prenotare la vaccinazione tramite il Call Center numero verde 800.550.177
Rallenta ma non si ferma la campagna anti-Covid in Puglia: le info utili Rallenta ma non si ferma la campagna anti-Covid in Puglia: le info utili In corso le quarte dosi per over 80 e over 60 con fragilità
Prosegue la campagna vaccinale anti-Covid in Puglia: tutti i numeri Prosegue la campagna vaccinale anti-Covid in Puglia: tutti i numeri In corso le somministrazioni delle quarte dosi agli over 80
Quarta dose di vaccino: in Puglia via agli over 80 e agli over 60 con fragilità Quarta dose di vaccino: in Puglia via agli over 80 e agli over 60 con fragilità Ancora riflessioni in corso per il richiamo alle altre fasce d'età
Prime somministrazioni di Novavax in Puglia. Ma è flop di richieste Prime somministrazioni di Novavax in Puglia. Ma è flop di richieste Appena 50 dosi inoculate in tutta la provincia di Bari
Nuovo vaccino Novavax, presto open day nelle Asl pugliesi Nuovo vaccino Novavax, presto open day nelle Asl pugliesi Sarà usato al momento solo per chi deve sottoporsi al ciclo di vaccinazione primario
Arriva anche in Puglia il Novavax, le prime dosi domani a Cerignola Arriva anche in Puglia il Novavax, le prime dosi domani a Cerignola Saranno 68.400 e verranno ripartite su base provinciale sulla base della popolazione ISTAT over 18
© 2001-2022 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.