Sparatoria Palo del Colle
Sparatoria Palo del Colle
Cronaca

Palo del Colle, preso il presunto autore del tentato omicidio del 15 settembre

È un 29enne con precedenti. Avrebbe sparato per futili motivi

È stato rintracciato ed arrestato dopo un mese il presunto autore del tentato omicidio avvenuto lo scorso 15 settembre a Palo del Colle.

Cinque colpi di arma da fuoco furono esplosi all'indirizzo di un 39enne che si trovava a bordo di un camion. La vittima rimase lievemente ferita, mentre l'autore riuscì a dileguarsi.

Le indagini dei Carabinieri hanno portato oggi all'esecuzione del decreto di fermo nei confronti del 29enne Giuseppe Incantalupo, di Palo del Colle. Sarebbe lui, secondo la direzione distrettuale antimafia, l'autore di quella sparatoria. È accusato dei reati di tentato omicidio e porto illegale di arma da fuoco.

Le indagini svolte dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Molfetta e dalla Stazione di Palo del Colle, sotto il diretto coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia barese, hanno permesso di ricostruire dettagliatamente tutti i passaggi dell'efferata vicenda, individuando il presunto colpevole che, per futili motivi, aveva esploso i colpi di arma da fuoco in pieno centro cittadino, dileguandosi subito dopo a bordo di un'autovettura.

Il provvedimento emesso dalla DDA che ha pienamente condiviso le risultanze investigative dei Carabinieri di Molfetta e di Palo del Colle, è stato eseguito dai militari dell'Arma nel tardo pomeriggio di ieri. L'uomo è stato condotto presso la casa circondariale di Trani a disposizione dell'autorità giudiziaria competente.
  • Palo del Colle
Altri contenuti a tema
Spari da una moto a Palo del Colle: un ferito Spari da una moto a Palo del Colle: un ferito Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di mercoledì 15 settembre
© 2001-2021 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.