Filippo Caracciolo
Filippo Caracciolo
La Puglia in pratica

Tumori donne, in Puglia anticipo screening e potenziamento delle misure di prevenzione

Sarà possibile effettuarlo già dai 40 anni: approvata la proposta di legge

"Dichiarare guerra totale al tumore della mammella e dell'ovaio è una missione imprescindibile, che non ammette tentennamenti né giustificazioni tecniche e logistiche. Il 18 gennaio 2022 abbiamo infatti approvato all'unanimità la legge (io sono uno dei firmatari) che prevede lo screening per tumori alla mammella ampliato alle quarantenni e i test genetici BRCA gratuiti per le persone sane e a rischio ereditario - dichiara il consigliere regionale Filippo Caracciolo, capogruppo Pd - Sia nel caso di tumori sporadici che eredo-familiari, la diagnosi precoce e i programmi di sorveglianza clinico-strumentale aiutano a ridurre il rischio di morte. Attualmente lo screening è assicurato ogni due anni alle donne nella fascia d'età 50-74. Con l'entrata in vigore di questa legge viene allargato il target di popolazione alle donne nella fascia d'età 45-49, prevedendo lo screening annuale, e rimette ai medici di medicina generale per la fascia d'età 40-44 la prima valutazione del rischio in persone con storia familiare positiva".

Una rivoluzione nell'attività di prevenzione. È stato introdotto, inoltre, l'obbligo di invitare allo screening tutte le donne aventi diritto, pena la decadenza del direttore generale della Asl interessata, l'obbligo di fissare le date dello screening a carico del Centro senologico, senza le file imbarazzanti dinanzi allo sportello del Cup, e la sanzione nel caso di mancata e ingiustificata presentazione allo screening. Con la nuova legge, è compiuta anche una rivoluzione in materia genetica, introducendo la gratuità dei test BRCA1 e BRCA2 anche per i familiari sani di persone affette da tumore e con mutazione genetica, assegnandogli a un programma di sorveglianza gratuita clinico-strumentale, sempre sotto la gestione dei Centri senologici.

"Il tumore alla mammella – afferma Caracciolo - è il primo nel sesso femminile si stima che una donna su otto/nove si ammalerà nell'arco della sua vita, con il 5-10 per cento d'origine ereditaria. Nel sesso maschile, invece, ha un'incidenza di 1 su mille, ed è considerato motivo di sospetto genetico. Il tumore all'ovaio, invece, è al decimo posto tra i tumori femminili: si stimano nel 30 per cento dei tumori e con il 10 per cento d'origine ereditaria. Sia nel caso di tumori sporadici che eredo-familiari, la diagnosi precoce e i programmi di sorveglianza clinico-strumentale aiutano a risparmiare vite umane, in considerazione, innanzitutto, di adeguate terapie in grado di aumentare sempre più le aspettative di vita".

Entra in vigore dunque il programma di Consulenza Genetica Oncologica (CGO) assicurato a tutte le persone affette da tumore della mammella e dell'ovaio o a rischio per una predisposizione di tipo familiare, allo scopo di programmare eventuali misure di sorveglianza clinica e strumentale, nel rispetto delle linee guida nazionali e internazionali.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Donne medico: «Niente sostituzione di maternità per il 75% delle gravidanze» Donne medico: «Niente sostituzione di maternità per il 75% delle gravidanze» Il report della Federazione CIMO-FESMED, in occasione della Festa della Donna
Liste di attesa, la Regione si attiva per recuperare le prestazioni sanitarie non ancora effettuate Liste di attesa, la Regione si attiva per recuperare le prestazioni sanitarie non ancora effettuate Palese: «È nostra ferma intenzione mettere in campo tutti gli strumenti necessari per il recupero delle liste d’attesa»
Carenza personale sanitario in Puglia, «Prorogare al 2024 la possibilità di assumere specializzandi» Carenza personale sanitario in Puglia, «Prorogare al 2024 la possibilità di assumere specializzandi» La richiesta arriva dalla Federazione CIMO-FESMED: una prima soluzione alla grave carenza di organico negli ospedali
Firmati i contratti dei nuovi dg della sanità pugliese Firmati i contratti dei nuovi dg della sanità pugliese Emiliano: «Si ricomincia con più determinazione e forza». Presente il neo assessore alla Salute Rocco Palese
Il Pnrr rivoluziona la sanità pugliese, 177 milioni di euro per le case di comunità Il Pnrr rivoluziona la sanità pugliese, 177 milioni di euro per le case di comunità Sono state raccolte le ipotesi che le ASL hanno somministrato e che sono in corso di definizione per essere approvate
L'accesso alle cure è sempre garantito, anche senza Green Pass L'accesso alle cure è sempre garantito, anche senza Green Pass Recepita anche in Puglia la normativa nazionale con le nuove linee guida aggiornate: ecco tutti i dettagli
Il Covid non ha fermato le cure oncologiche: l'esempio del "Perinei" di Altamura Il Covid non ha fermato le cure oncologiche: l'esempio del "Perinei" di Altamura Spazi e percorsi isolati per l'utenza non Covid. «Abbiamo moltiplicato gli sforzi»
Visite specialistiche, il dipartimento chiarisce: «Possibile accedere senza Green Pass o tampone» Visite specialistiche, il dipartimento chiarisce: «Possibile accedere senza Green Pass o tampone» Lo ha comunicato l'ex consigliere regionale Mario Conca, postando la nota a firma di Montanaro
© 2001-2022 PugliaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
PugliaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.